Quando l’artista fa parlare di sé

Quando l’artista fa parlare di sé

Una strategia di comunicazione per un sistema di pubbliche relazioni virtuose, responsabili e sostenibili

 

Parliamo di comunicazione e pubbliche relazioni per artisti. Ti va?

Oggi voglio darti un suggerimento che, se messo in pratica, ti permette di ottenere visibilità praticamente a costo zero, usando la tua creatività.

Nessuna onerosa strategia di marketing, nessun investimento da sostenere. Ti bastano solo 3 cose: una causa per cui batterti, passione e la tua creatività.

Ingredienti che, se ben dosati, faranno fare un balzo in avanti alla tua immagine, permettendoti – così – di promuovere il tuo lavoro di artista.

 

Non preoccuparti di guadagnare, per una volta

Sto per svelarti una strategia di comunicazione davvero efficace. L’unica condizione è che ti dimentichi dei guadagni. Solo per il momento, però.

Un’ottima soluzione di visibilità che può essere realizzata solo se sono presenti tutti e 3 gli elementi che la compongono. Vediamoli uno ad uno.

 

#1 – Una causa per cui batterti

Sei un artista e come tale hai un animo sensibile e attento. Questo non significa che sei un missionario che impugna un pennello. No, figurati!

Ma sono sicura tu abbia delle passioni e che – nell’ambito in cui queste si collocano – ti sia capitato di rilevare delle falle al sistema o, addirittura, delle ingiustizie.

Magari ti è capitato di essere scartato da un concorso perché la raccomandata non è stata consegnata in tempo dalle poste. Oppure sei semplicemente stufo di trovare ostacoli e muri da parte di quei curatori e galleristi che ti chiedono di pagare per poter esporre nei loro locali.

Allora cosa aspetti a dirlo?

Pubblicamente, intendo.

Se c’è un tema che ti sta a cuore e per il quale intendi batterti molto probabilmente saranno numerose le persone disposte a seguirti.

Quindi, esci dall’anonimato e usa la tua arte per sostenere i valori in cui credi!

 

#2 – Passione

Lo sai. Lo provi ogni giorno quando esci con la tua macchina fotografica, misceli i colori, scolpisci la creta o progetti un nuovo design. Senza passione nemmeno ti metteresti al lavoro.

Questo vale anche per la strategia di comunicazione che ti propongo. Non devi solo individuare una causa per cui batterti. Devi essere mosso da una passione viscerale per essa.

Devi sentirla dentro te. Proprio come accade con la tua arte.

Ecco perché può non trattarsi necessariamente di qualcosa che attiene al tuo settore. In realtà, è molto più probabile che questa missione sia legata alla tua vita privata. A esperienze che hai provato sulla tua pelle e che hanno lasciato il segno.

Magari sei un genitore single che lotta per il figlio. Oppure hai un amico straniero a cui è stato negato il permesso di soggiorno.

Qualunque sia la tua causa, ricorda che deve trattarsi di qualcosa per cui sei disposto a lottare senza guadagnare nulla in cambio. Devi crederci davvero, insomma.

 

#3 – Creatività

Ora che hai individuato una missione che ti appassiona devi solo fare quello che ti riesce meglio: dare libero sfogo alla tua creatività.

Usa la tua arte per illustrare la problematica, dipingine gli effetti, lascia che siano i tuoi lavori a veicolare il messaggio.

 

 

L’arte al servizio dei tuoi valori

arte-strumento-comunicazione-responsabile

In sostanza si tratta di questo. Usare la tua creatività per sostenere e comunicare al pubblico qualcosa in cui credi. So che l’idea già ti piace. Ammetilo!

La tua immaginazione ti ha già mostrato l’intero progetto: dal bozzetto all’opera compiuta. Io, però, sono qui per fare in modo che quello che fai ti aiuti a crescere come artista. Che quest’operazione ti porti un beneficio in termini di visibilità.

Com’è possibile?

Devi farlo in pubblico!

  • Per prima cosa, lancia la tua battaglia attraverso i canali di comunicazione che usi abitualmente.

Blog, social network, forum. Non fa differenza. L’importante è che il pubblico conosca cosa ti sta a cuore e perché.

Una buona idea è quella di creare un hashtag apposito – proprio come fosse una sorta di grido di guerra collettivo – che ti aiuterà a tenere traccia del tuo operato e dell’apporto di chi si aggiungerà alla tua iniziativa.

  • In seguito, invita quante più persone possibile a dare il loro contributo. Per esempio, puoi invitare i tuoi follower a diffondere l’hashtag, a cui avrai cura di legare sempre immagini, parole e ispirazioni legate alle opere create per il progetto.

Vedrai che, in breve tempo, molti sposeranno la tua missione. E, se avrai lavorato bene, anche i media se ne interesseranno.

Tutto questo innescherà un meccanismo di pubbliche relazioni virtuose, responsabili e sostenibili. Un circuito di comunicazione che – a mio avviso – rappresenta il futuro di tutto il comparto. Un sistema in cui vincono tutti, insomma. Un apparato di cui benefici tu, il pubblico, i sostenitori e la causa stessa. Bello, non trovi?

 

Una strategia di comunicazione artistica per guadagnare nel lungo periodo

Come ti dicevo questa soluzione non ti darà un guadagno immediato. Per farla breve, non venderai nessuna opera (a meno che tu non decida di organizzare un’asta parte del cui ricavato andrà devoluto in beneficenza) e non ti verrà commissionato nessun progetto. Almeno, non subito.

Quello che otterrai, però, ha un valore enorme per la tua immagine.

5 benefici che avvantaggiano la tua comunicazione.

Come artista, infatti, questa strategia di comunicazione ti permette di:

  1. Ottenere grande visibilità, senza sostenere un investimento iniziale.
  2. Esporti in maniera autentica, facendoti conoscere non tanto attraverso la promozione dei tuoi lavori quanto piuttosto come artista. Ed è proprio questa una delle caratteristiche più importanti in una strategia di personal branding vincente.
  3. Incontrare – riunendole – un buon numero di persone attorno alla tua causa, creando una vera e propria community che, di conseguenza, si legherà a te.
  4. Mettere alla prova la tua creatività, lasciando la tua ispirazione libera di approfondire e sviluppare un progetto artistico completo.
  5. Fare del bene. Ed è risaputo che aiutare gli altri fa stare meglio, gratifica e appaga. Non serve aggiungere altro, immagino.

 

Dai visibilità alla tua arte facendo ciò che ami

È questo il succo della strategia di comunicazione che ti ho illustrato.

Nessuna dietrologia. Nessuno stratagemma. Solo la voglia di mettere la creatività al servizio di una buona causa – in cui credi fermamente – e diffondere la notizia.

Abbandonare, per un attimo, l’idea di guadagnare subito denaro e lasciarsi guidare dalla missione, nell’attesa che il circuito innescato doni i suoi frutti.

Una strategia che permette all’artista di rinnovare le sue pubbliche relazioni in autonomia, senza investire denaro, usando l’unica – grande – risorsa di cui sicuramente dispone: la creatività.

 

Ora, veniamo a te: hai già in mente una causa per cui saresti disposto a batterti senza guadagnare? C’è un tema che ti sta particolarmente a cuore e che vuoi comunicare usando la tua arte?

Cosa aspetti? Rispondi a queste domande e inizia a progettare la tua missione!

E se hai difficoltà a capire come procedere, ricorda che puoi chiedermi un consiglio.

Scrivimi un’email, twittami il tuo dubbio o raggiungimi su Facebook. Insomma, se ti serve una dritta, sai che ci sono.

 

 

The following two tabs change content below.
Cristiana Tumedei
Strategist for Artists&Creative, consulente di web marketing e comunicazione. Curo diversi progetti in rete, come Parliamo Digitale e QuiCopy: spazi dedicati a blogger e comunicatori 2.0. E poi... quasi 30 anni, 11 traslochi all'attivo, una bimba che mi chiama Mamma Cri, appena nata ho ricevuto un battesimo Voodoo. Che altro? Ah, sto costruendo un sogno: #livingoutloud.
Cristiana Tumedei

Ultimi post di Cristiana Tumedei (vedi tutti)

7 risposte

  1. Ciao Cristiana. Credo che questa strategia si possa usare anche per un brand. Anzi grazie per lo spunto… A buon rendere.

    • Cristiana Tumedei

      Ciao PierPaolo 🙂
      Assolutamente!

      Questa strategia va benissimo anche per brand e freelance. Ovviamente, io ho risposto a un problema comune ai miei lettori. Ma non è detto che altri possano avere esigenze simili.
      A presto!

  2. Cristiana Tumedei

    @PierPaolo Voci: Sì, sì, sì, ParliAMOne!

    Dai, grande, sono troppo felice! Ti scrivo un’email per anticiparti alcune cose… sai com’è: ho una proposta da farti. Una di quelle che, proprio, non puoi rifiutare! 😀

    A prestissimo, PierPaolo 🙂

  3. […] perché se sei un artista puoi trarre grande beneficio dal partecipare a iniziative simili. Metti in gioco la tua creatività, la stimoli se necessario, e ti confronti con persone […]

Lascia un commento