Campagna di Crowdfunding: il successo sta nella Buona Causa

Campagna di Crowdfunding: il successo sta nella Buona Causa

postato in: Crowdfunding | 0
Usare il crowdfunding è un’ottima soluzione per finanziare un progetto creativo, ma solo se individui la buona causa!

Non neghiamolo: oggi il crowdfunding è di gran moda. Utile, soprattutto per chi non sa come gestire campagne di raccolta sponsor tradizionali. Uno strumento fondamentale che la rete ci mette a disposizione e dobbiamo imparare ad usare.

 

Collaborazione, condivisione, dialogo. Questi i 3 pilastri su cui si fonda il crowdfunding. Questi i 3 elementi che dobbiamo sempre considerare quando lavoriamo alla buona causa: il motivo per il quale le persone dovrebbero finanziare il nostro progetto.

 

Buona Causa e Crowdfunding: come farsi sostenere dalla community

Sono tanti i clienti che si rivolgono a me per essere aiutati nel pianificare una strategia di crowdfunding. Ogni volta, ecco quello che faccio:

  • Ascolto i dettagli del progetto;
  • Raccolgo gli obiettivi di breve, medio e lungo periodo (anche quelli da raggiungere nelle fasi che seguono la raccolta fondi);
  • Pongo una domanda: “Perché dovrei finanziare il tuo progetto?”.

Eccola: la famosa Buona Causa, croce e delizia degli esperti di fundraising!

Anche se non sei un professionista della raccolta fondi, devi saper individuare almeno una ragione valida per cui le persone dovrebbero darti i loro soldi. Questa è la verità:

 

Buona Causa: come individuarla?

Ora, sto per illustrarti uno dei metodi più efficaci per individuare la buona causa. Utile, soprattutto per i non addetti ai lavori perché applicabile senza bisogno di particolari competenze tecniche.

 

Step #1 – Dettagli del Progetto di Crowdfunding

Quello che devi fare è molto semplice:

  • Procurati carta e penna
  • Suddividi un foglio in 3 colonne: Obiettivi del Progetto, Benefici Oggettivi e Valore Sociale

Nella prima colonna elenca i tuoi obiettivi, quelli che ti hanno spinto nell’ideazione del progetto da finanziare.

Nella seconda, invece, annota tutti i vantaggi che raggiungeresti qualora la raccolta fondi andasse a buon fine. Insomma, quali vantaggi ti offre il progetto?

Infine, concentrati sui benefici per chi ti finanzia. Non pensare a te, ma alle persone che ti daranno i loro soldi. Quali saranno i loro vantaggi reali?

A lavoro finito, hai a disposizione un documento chiaro: una linea guida importante, che ti accompagna nel definire la strategia di comunicazione per la campagna di crowdfunding.

 

Progetto di Crowdfunding
Clicca sull’Immagine e Scarica Gratis il Modello!

progetto-crowdfunding-modello

 

Step #2 – La Buona Causa

Con il passaggio precedente ti assicuri le condizioni ideali per identificare la buona causa del tuo progetto creativo. Vediamo come fare!

  • Procurati un altro foglio e scrivi in ordine sparso – con colori e caratteri differenti – le parole chiave contenute nel Progetto di Crowdfunding.
  • Ecco un riassunto visivo, un grafico, raffigurante il valore del tuo progetto. Appendilo a un parete (farlo è d’aiuto, credimi!), così da averlo sempre a disposizione. Ora, poniti una domanda diretta: “Perché io finanzierei questo progetto?”.
  • Metti nero su bianco tutte le risposte, senza che siano filtrare da un tuo giudizio di valore. Elenca tutti i motivi, nessuno escluso.
  • A questo punto, rileggi e cancella tutte le voci che collimano e/o si avvicinano ai Benefici Oggettivi del Progetto di Crowdfunding (quelli della seconda colonna del primo documento).
  • Cosa rimane? Se hai almeno una riga di testo sul foglio, con molta probabilità quella è la tua buona causa: il motivo per cui una persona – uno sconosciuto – dovrebbe investire sul tuo progetto creativo.

 

Gli Elementi Fondamentali di una Campagna di Crowdfunding: ricapitoliamo!

Se vuoi finanziare il tuo progetto creativo pianificando una campagna di crowdfunding devi essere sicuro che questa contenga almeno 3 elementi:

  1. Una Buona Causa
  2. Obiettivi chiari e misurabili
  3. Una Strategia di Comunicazione strutturata, che prosegua anche a campagna terminata

Per il resto, ti basta scegliere una piattaforma a cui appoggiarti e dedicarti con cura alla redazione del progetto. E se proprio non sai come fare…

 

Rivolgiti a un professionista!
Con un piccolo investimento (che ti ripaghi attraverso la raccolta fondi), non devi più preoccuparti e sei sicuro di portare a termine – con successo – la tua campagna di crowdfunding.

 

E tu, hai mai usato il crowdfunding per finanziare un tuo progetto? Come individuato la buona causa?
The following two tabs change content below.
Cristiana Tumedei
Strategist for Artists&Creative, consulente di web marketing e comunicazione. Curo diversi progetti in rete, come Parliamo Digitale e QuiCopy: spazi dedicati a blogger e comunicatori 2.0. E poi... quasi 30 anni, 11 traslochi all'attivo, una bimba che mi chiama Mamma Cri, appena nata ho ricevuto un battesimo Voodoo. Che altro? Ah, sto costruendo un sogno: #livingoutloud.
Cristiana Tumedei

Ultimi post di Cristiana Tumedei (vedi tutti)

Lascia un commento